PFAS ed alimentazione

13-09-2017

In queste settimane abbiamo spesso parlato dei PFAS su matrici ambientali come le acque potabili ed acque reflue. Oggi, invece, vogliamo parlare di come i PFAS siano legati a quello che mangiamo.

Innanzi tutto è utile sapere che i composti perfluorurati (PFC) sono delle sostanze di sintesi prodotte ed utilizzate per le loro proprietà idrofiliche  e lipofile. Sono utilizzate in un ampio campo di applicazioni quali rivestimenti olio ed acqua repellenti nei tappeti, tessuti, pellame, carta, packaging per alimenti, strumentazione elettrica ed elettronica; oppure come agenti surfattanti in prodotti per la pulizia e cosmetici. Sono inoltre utilizzati, come ben noto, nella produzione dei fluoropolimeri (es. PTFE) e come additivi antistatica nell’industria elettronica. Conseguentemente, i consumatori dei Paesi industrialmente avanzati sono giornalmente esposti a queste sostanze. Come ogni altro composto di origine antropica, i PFC possono essere rilasciati nell’ambiente ad ogni step del loro ciclo di vita e, di conseguenza, possono accumularsi nei vari strati della catena alimentare.

Il cibo, specialmente attraverso particolari vettori di esposizione come il pesce, rappresenta la principale fonte di esposizione, per il consumatore, ai PFC (Fromme ed al. 2007). Diversi studi riportano la presenza di PFC in pesce a concentrazioni variabili  tra alcuni ppb (microgrammi su chilogrammo) e centinaia di ppb. In queste metrici, la concentrazione di PFOS è sistematicamente più elevata rispetto al PFOA, e la concentrazione di PFOS nel fegato è maggiore rispetto a quella nei filetti. Anche l’EFSA (Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare) nel 2008 ha confermato che “…. Sulla base delle limitate informazioni disponibili, pesce e prodotti alimentari a base di pesce sembrano essere una importante sorgente di esposizione umana al PFOS e PFOA….”. Questo è confermato anche da alcune indagini condotte su popolazioni la cui dieta è ricca di pesce.

Tutto ciò dimostra l’importanza di monitorare la presenza dei PFC sia su matrici ambientali (acque di scarico, potabili ecc…) sia su matrici alimentari come pesce e suoi derivati.

Eurolab, grazie alla sua esperienza ed alla strumentazione all’avanguardia, è in grado di eseguire questi monitoraggi avvalendosi di strumentazione ad Alta Risoluzione, al fine di garantire la maggior sicurezza e precisione del dato analitico.

 

Per ogni ulteriore chiarimento a riguardo, non esitate a contattarci.

 

Analisi matrici alimentari

17-08-2017Cosa ci insegna l'emergenza Fipronil?

La scoperta dell'uso di Fipronil nelle Aziende che allevano pollame ci spinge ad un repentino cambio nella modalità di eseguire Analisi Multiresiduali.

Realizzato da w-easy